Perché gli Ebrei non riconobbero Gesù come il Messia tanto atteso?

Gli Ebrei pensavano al Messia come ad un guerriero invincibile invece Gesù Cristo si presentò come il Salvatore pronunciando messaggi di amore, fratellanza, uguaglianza di tutti gli uomini.
Il popolo di Israele, ritenendosi il popolo eletto da Dio, si sdegnò che tali messaggi fossero rivolti a tutti i popoli del mondo e non solamente a quello ebraico…

Intanto Gesù era divenuto molto popolare e ciò preoccupò i sacerdoti ebraici che lo accusarono di empietà e chiesero al procuratore romano, Ponzio Pilato, di condannarlo a morte.
Questi “se ne lavò le mani” nel senso che rimandò Gesù al giudizio dei sacerdoti del Sinedrio i quali lo condannarono a morte per crocefissione (33 d.C.).
Tutto ciò avveniva durante il regno di Tiberio, II imperatore di Roma, appartenente alla dinastia Giulio – Claudia.
Da tenere presente che gli Ebrei furono l’unico popolo dell’antichità ad avere, in campo religioso, una concezione monoteista.
Essi infatti adoravano un solo dio, Jahvé, che ritenevano puro spirito.
Proprio quest’ultimo concetto non permetteva loro di rappresentarlo in alcuna forma né pronunciarne il nome.

Perché gli Ebrei non riconobbero Gesù come il Messia tanto atteso?ultima modifica: 2009-04-17T16:00:00+02:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share

Add a Comment