Perché i tetti a capriata sono definiti così?

Costuendo una struttura (legno, cemento, acciaio) il problema principale da affrontare è quello di capire come fare affinchè non crolli.
Nei disegni di Villard Honnecourt, costruttore di cattedrali nell’europa del XIII secolo si vede rappresentata ‘la capra’ oggi nota come una struttura formata da travi disposte a piramide legate al vertice, dove è attaccato un apparecchio di sollevamento o più semplicemente da una traversa che poggia su due cavalletti…

‘La Capra’ altro non è che il tentativo di esperti costruttori di ridurre il più possibile le strutture a triangoli: l’unica figura geometrica indeformabile e quindi garanzia di stabilità.
Il termine ‘capriata’, struttura triangolare da sempre utilizzata per eliminare la spinta orizzontale nei tetti, deriva dal latino ‘caprea che vuol dire capra, intesa come la struttura portante più semplice possibile e garanzia di assoluta stabilità!

[ Si ringrazia: Torino nella rete – Il blog di Luigi Bacco ]

Perché i tetti a capriata sono definiti così?ultima modifica: 2009-11-08T11:50:00+01:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share

Add a Comment