Perché il saluto militare con la mano?

Trattiamo di vita militare e, in particolare, del saluto militare, quello che ci si scambia tra militari appartenenti alle diverse forze armate o tra gli appartenenti ai corpi di polizia, nazionali o internazionali che siano.

Sappiamo che il saluto militare è quello in cui si alza la il braccio destro portando la mano all’altezza della fronte per poi essere mossa in avanti quando lo si termina ma perché il saluto militare viene effettuato in questa maniera? Cosa c’è alla base di un saluto sì fatto? Perché tra militari e appartenenti a forze di polizia ci si saluta in questo modo? Ovviamente, per rispondere a questa domanda bisognerà rispolverare la storia…

Sembra che il gesto che costituisce il saluto militare sia un retaggio proveniente da molto lontano, dalla storia, infatti pare debba essere ricondotto al tempo dei cavalieri e – ancora prima – a quello dei soldati a cavallo che erano soliti indossare armatura, elmo protettivo, scudo e spada!

I militari d’un tempo usavano salutare portando la mano verso l’elmo per alzare la parte mobile di quest’ultimo, quella che proteggeva gli occhi e che viene chiamata visiera.

Storie d’altri tempi ovviamente ma sembra che tale gesto – quello di alzare la visiera – si sia tramandato nella storia per mutare nel saluto militare che noi oggi conosciamo. 

Perché il saluto militare con la mano?ultima modifica: 2013-04-20T15:25:00+02:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share

Add a Comment