Perché in grammatica alcuni nomi sono “alterati”?

Alcuni nomi, in grammatica italiana, vengono definiti ‘alterati’.
Derivano da un nome ‘primitivo’ alla radice del quale si aggiungono suffissi, alterando il loro significato ma non privandoli di quello originario…

Spieghiamo con un esempio:

Se partiamo dal sostantivo ‘ragazzo’, nomi alterati potrebbero essere: ragazzino, ragazzetto, ragazzone.
In questo caso i sostantivi non privano il significato del nome ‘primitivo’, infatti sempre di ragazzo si parla, ma lo mutano.

Perché in grammatica alcuni nomi sono “alterati”?ultima modifica: 2009-01-25T16:30:00+01:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share
One Comment

Add a Comment