Perché l’interno della Terra è formato da “involucri”?

L’interno del nostro Pianeta viene suddiviso dai geologi e dai geofisici come formato da una serie di involucri.
Tale suddivisione è stata studiata per mezzo delle onde sismiche…

L’interno della Terra è enorme: basti pensare che dalla superficie al centro del Pianeta ci sono 6300 km circa!
Data la distanza ragguardevole, per analizzarlo e classificarlo si è studiata la velocità delle onde sismiche ed i loro cambiamenti di traiettoria.
Dall’alto fino al centro, l’interno della Terra è stato diviso in tre strati:

  1. Crosta terrestre;
  2. Mantello;
  3. Nucleo;

Nel particolare:

  • Crosta terrestre, continentale ed oceanica, spessore: 30 km, stato: solido;
  • Mantello litosferico (anche detto Mantello superiore), da 30 km a 75 km, stato: solido;
  • Mantello astenosferico (anche detto Astenosfera), da 75 km a 250 km, stato: fluido;
  • Mantello inferiore, da 250 km a 2900 km, stato: rigido;
  • Nucleo esterno, da 2900 km a 5000, stato: liquido;
  • Nucleo interno, da 5000 km a 6300 km, stato: rigido;

Proprio perchè i diversi strati sono caratterizzati da cambiamenti di stato e comportamento fisico nonchè da diverse velocità di propagazione delle onde sismiche, le zone di “passaggio” tra uno e l’altro sono chiamate “discontinuità”.
Le zone di discontinuità sono:

  • Discontinuità di Conrad: separa la crosta continentale da quella oceanica;
  • Discontinuità di Mohorovicic (MOHO): separa la crosta terrestre dal mantello superiore;
  • Discontinuità di Gutenberg: separa il mantello inferiore dal nucleo esterno;
  • Discontinuità di Lehmann: separa il nucleo esterno da quello interno;
Perché l’interno della Terra è formato da “involucri”?ultima modifica: 2008-06-17T19:10:00+02:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share

Add a Comment