Perché Michele Morelli è rimasto nella storia?

Michele Morelli, nato nell’odierna Vibo Valentia – al tempo, Monteleone di Calabria – nel 1790, fu un patriota italiano e ricoprì l’incarico di tenente di cavalleria nell’esercito borbonico e, prima ancora fece parte dell’esercito di Gioacchino Murat.
Divenne famoso perché, insieme a Giuseppe Silvati e al maggiore De Conciliis, marciò su Napoli nel luglio del 1820…

Sia Michele Morelli che Giuseppe Silvati ricoprivano lo stesso grado e alla guida degli uomini da loro raccolti c’era il carbonaro (appartenente alla Carboneria) Guglielmo Pepe che si posizionò davanti alla reggia del re di Napoli, Ferdinando I di Borbone, ottenendo da questi la Costituzione e la formazione del Parlamento.
Ma la Santa Alleanza richiamò il re a Lubiana (Slovenia) dove lo stesso, anche avendo assicurato al Parlamento napoletano che avrebbe difeso la Costituzione, chiese aiuto all’Austria che sbaragliò l’esercito di Guglielmo Pepe.
Questi riuscì a fuggire mentre Michele Morelli e Giuseppe Silvati furono uccisi il 12 settembre del 1822.
Il re ristabilì il suo potere assoluto.
A Vibo Valentia vi è lo storico Liceo Ginnasio intitolato a Michele Morelli nonché in ricordo è stata posta una statua nella piazza intitolata a Edmondo Buccarelli, medaglia d’oro.

Articoli correlati:
La provincia di Vibo Valentia
Perché il castello di Pizzo Calabro è intitolato a Gioacchino Murat?

Perché Michele Morelli è rimasto nella storia?ultima modifica: 2009-08-14T21:10:00+02:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share

Add a Comment