Perché si dice “buonanotte al secchio”?

Noi italiani siamo soliti dire ‘buonanotte al secchio’ quando parliamo con qualcuno tentando di spiegargli qualcosa e quest’ultimo non vuole proprio intendere.
E’ molto comune come modo di dire, ma perché usiamo questa espressione così apparentemente poco priva di senso?

Augurare la buonanotte ad un secchio non è una cosa propriamente logica, sarebbe infatti come parlare con un muro (altro modo di dire) però, benchè strana, sembra che l’espressione ‘buonanotte al secchio’ derivi dai tempi passati quando, non essendoci acqua corrente, si usavano dei pozzi e dei secchi ancorati tramite una fune ad una carrucola per estrarla dal sottosuolo.
Qualche volta i secchi cadevano all’interno del pozzo e si era soliti esclamare ‘buonanotte al secchio’ nel senso che era fisicamente andato e quindi inutilizzabile.
E in effetti, più in generale di quanto espresso all’inizio dell’articolo, questo modo di dire significa proprio che una situazione o qualcosa è andato in  fumo, svanito, rotto.

Perché si dice “buonanotte al secchio”?ultima modifica: 2010-06-20T18:35:00+02:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share

Add a Comment