Perché il sonno REM è detto anche “sonno paradosso”?

Il sonno REM è definito anche ‘sonno paradosso‘ od anche ‘paradossale’ perché riguarda una fase in cui si assiste ad un fenomeno curioso e dagli aspetti tra loro contrastanti.

Vista dall’esterno, la persona in fase REM è rilassata, quasi paralizzata, a causa dell’ipotonia della muscolatura volontaria…

L’attività cerebrale, però, è tutt’altro che assopita!

I grafici elettroencefalografici rivelano infatti la presenza di uno spettro di frequenze miste di bassa ampiezza ed alta frequenza, caratterizzato soprattutto dalle onde beta (maggiori o uguali a 14 Hz).

Queste sono molto simili alle onde alfa (8 – 13 Hz), tipiche dello stato di veglia rilassata, ed indicano appunto che la corteccia cerebrale è in attività.

Nel sonno REM si assiste inoltre a movimenti rapidi degli occhi (da cui prende origine la stessa sigla), accompagnati da un aumento della frequenza cardiaca e di quella respiratoria.

Questo stato paradossale di attivazione rende più probabile e facile il risveglio della persona che dorme se è in fase REM.

Perché il sonno REM è detto anche “sonno paradosso”?ultima modifica: 2011-06-19T17:05:00+02:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share

Add a Comment