Perché si usa il mixer?

Il mixer è uno strumento elettronico che è il cuore di manifestazioni artistiche come concerti dal vivo, rappresentazioni teatrali e via discorrendo; esso rappresenta infatti il fulcro del sistema di amplificazione o di incisione.
Se dovessimo chiamare il mixer con il corrispondente termine italiano dovremmo utilizzare la parola ‘miscelatore’…

Il mixer infatti serve per miscelare, questa la sua funzione primaria, i suoni provenienti dai diversi strumenti musicali e dai microfoni per poi inviarli al sistema di amplificazione e/o ad una apparecchiatura in grado di incidere – registrare – masterizzare il tutto.
Esistono tanti tipi di mixer; una prima distinzione può essere delineata dall’essere analogico (tradizionale) o digitale ma a parte questo, vi sono mixer creati appositamente per l’impiego con strumenti musicali in ‘live’ o in studio di incisione ed anche dedicati all’uso che ne fanno i DJ in discoteca.
Altresì esistono mixer che hanno ‘on board’, cioè all’interno, processori digitali di segnale (DSP, Digital Signal Processor) che permettono di aggiungere ai segnali audio degli effetti come eco, riverbero, pitch, chorus e molti altri.

Perché si usa il mixer?ultima modifica: 2010-06-08T19:20:00+02:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share
One Comment

Add a Comment