Perché la moneta fiorentina si chiamò “fiorino”?

Nella Repubblica fiorentina, durante il Medioevo e precisamente nel XIII secolo, fece la sua comparsa una moneta che passò alla storia e che si chiamò ‘fiorino’.
Realizzata in argento ed in oro, fu molto usata negli scambi commerciali anche all’estero acquisendo via via sempre più importanza…

La potenza economica e commerciale di Firenze fece sì che il fiorino divenisse molto usato anche nel resto della penisola italiana ed all’estero come già anticipato.
Il fiorino venne chiamato così perché su una delle due facce, quella principale, faceva bella mostra l’incisione del giglio, simbolo di Firenze; dalla lingua latina il giglio era identificato con il termine di flos (flos, floris – fiore, in italiano) e fu proprio dal termine latino che derivò il vocabolo ‘fiorino’.
Il fiorino d’oro venne coniato nell’anno 1253 e fu una moneta che, proprio in virtù della sua ampia diffusione, venne imitata largamente.

Perché la moneta fiorentina si chiamò “fiorino”?ultima modifica: 2010-12-04T17:40:00+01:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share

Add a Comment