Perché lo zero era indicato con una O sbarrata in informatica?

In molti non sanno che in informatica era comune rappresentare lo zero con una O sbarrata o come una O col punto all’interno, questi erano i caratteri che vennero scelti per rappresentarlo, più o meno simili ai seguenti: Ø – סּ.

Entrambi possiamo riprodurli a video tramite la funzione ‘mappa caratteri‘ dei sistemi operativi Microsoft Windows, caratteri che sostituivano il più moderno 0 e già che ci siamo vediamo anche il perché…

Chi si è affacciato al mondo dei computer e dell’informatica come me grazie ai computer della Commodore – Vic-20 in primis – od anche prima si ricorderà che quando si batteva il tasto dello zero l’eco a video era costituto dal carattere ‘Ø’ mentre altri computer invece mostravano lo zero come una ‘O’ col punto posto al centro ovvero questo carattere ‘סּ’.

Tutto questo accadeva non perché esso potesse essere rappresentato dal simbolo dell’insieme vuoto – vedi matematica – ma perché lo zero veniva rappresentato con i caratteri suddetti per poterlo distinguere dal carattere della ‘O’, tredicesima lettera del nostro alfabeto.

Successivamente fu introdotto il carattere, ancora oggi usato, dello ‘0’ che è ovale nella forma rispetto a quello della ‘O’ maiuscola.

Perché lo zero era indicato con una O sbarrata in informatica?ultima modifica: 2013-09-29T11:40:00+02:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share

Add a Comment