Perché le videocassette erano dette VHS?

Uno dei simboli degli anni ’80 sono state le videocassette, supporti a nastro di memorizzazione magnetica, che permettevano la registrazione di video ed audio tramite l’utilizzo di un elettrodomestico entrato nelle case di tutti: il videoregistratore.
In molti ricorderanno le ore passate davanti alla televisione con il videoregistratore che riproduceva qualche film leggendo la videocassetta che, prassi comune, era definita VHS, perché?

Con il termine di VHS quindi si era soliti indicare le videocassette e questo perché tale termine era l’acronimo di ‘Video Home System’ che, tradotto in italiano significa ‘Sistema Video Domestico’.
Il VHS ha rappresentato per anni uno standard estremamente diffuso, benchè esistessero anche altri formati, per l’home video offrendo all’utenza un’ampia gamma di videocassette a seconda della durata del nastro: era possibile trovare in commercio videocassette da 15 minuti fino a 240 minuti.
Tramite il videoregistratore era possibile registrare su VHS un segnale video ed audio, guardare un film distribuito su tale supporto ed ovviamente l’impiego delle VHS era anche possibile sulle videocamere rispondenti a tale tecnologia al fine di realizzare filmati.

Perché le videocassette erano dette VHS?ultima modifica: 2010-06-18T19:00:00+02:00da overflow975
Reposta per primo quest’articolo
Share

Add a Comment